• FireFall: Indignados

    In tempi di SOPA, PIPA, ACTA, Bethesda contro Interplay, NCsoft contro Bluehole e ammenicoli vari da una parte e dall'altra della barricata, qualcuno come Mark Kern, veterano di Blizzard Entertainment e fondatore di Red 5 Studios attualmente al lavoro sul suo primo progetto FireFall, incomincia a far volare parole grosse nell'etere.
    Intervistato a proposito della decisione della software house di sua proprietà di disertare il prossimo E3, Kern ha avuto parole di fuoco nei confronti dei publisher tutti, spiegando il motivo per cui secondo lui questi tendono ad essere favorevoli a proposte di legge atte a limitare la liberà (comunque la si voglia intendere) di internet mentre gli sviluppatori, specie quelli indipendenti, si dichiarano fortemente contrari.

    "Ha tutto a che fare con la limitazione e la condensazione della pluralità dei canali di distribuzione a pochi, quelli ufficiali. Quello a cui state assistendo è la reazione per cercare di conservare il vecchio modello di business, che ha grandi aziende allineate da un lato e un sacco di piccoli studi dall'altro, stanchi di dover essere fiduciosi nei confronti degli editori per la distribuzione, per le finanze e per tutto il resto, convinti che così non debba più funzionare.

    Red 5 Studios, Riot Games e una miriade di altri sviluppatori hanno stabilito modelli commerciali profittevoli che accettano sia la distribuzione tradizionale che quella gratuita, un'intera area che i publisher non possono controllare. Aggiungo qualcosa di controverso: non credo che gli editori siano più significativi per lo sviluppatore. Ci sono tanti altri modi per uscire e trovare strade altrettanto valide per essere competitivi.

    I publisher vogliono riaffermare il loro controllo sulla distribuzione attraverso la legislazione, difendendo il diritto d'autore a scopo di lucro, volendo di fatto limitare la diffusione del potere della proprietà intellettuale attraverso internet. Riot Games ha dimostrato che pubblicandosi da soli, utilizzando il modello free to play, si può fare straordinariamente bene spendendo un'inezia rispetto a ciò che i publisher devono spendere: milioni e milioni di dollari di marketing per vendere più copie scatolate degli altri."




    Fonte: gameindustry.biz

      


     
     
     
    Commenti 21 Commenti
    1. L'avatar di Armaghast
      Bravo Kern. Scommetto che durante l'intervista, portava pure una maschera di Guy Fawkes sul viso.
    1. L'avatar di BlazarX
      sagge parole... sagge parole!!!
      purtroppo chi è avido avido rimane, mentre chi cerca latre vie, magari scommettendo il tutto per tutto qualcosa di buon esce sempre... vedasi riot games o tanti altri !
    1. L'avatar di Mulcarn
      Per fortuna ogni tanto anche dall'altra parte c'è chi ha iniziato a capire che il problema oggi non è più tanto la questione dei diritti d'autore, ma il fatto che un certo modello obsoleto, per quanto forte delle attuali leggi, è ormai troppo vecchio e non regge il confronto con una realtà di oggi che è molto diversa ed è andata molto oltre il vecchio sistema, e non può tornare indietro. Purtroppo ciò che è vecchio, e non vuole cedere il passo al cambiamento, ha un solo modo per cercare disperatamente di rimanere ancorato al passato: reprimere il più possibile il cambiamento... cosa che non evita il cambiamento, perchè il cambiamento non può essere in ogni caso evitato, ma solo ritardato in modo tale da renderlo ancora più traumatico e improvviso.
    1. L'avatar di Simurgh
      Ti stimo Mark...

      Sail strong bro!
    1. L'avatar di Arckanum
      grande,tutta la mia stima splendide parole e io lo dico sempre gg riot games
    1. L'avatar di grasthard
      cosa c'entrano però le leggi sul copyright e la pirateria nel mondo dei mmorpg che penso sia l'unico settore dell'entertainment che non ne ha mai vista? (a parte se si considerano i botters e i goldsellers, ma comunque pagano il canone pure loro)
    1. L'avatar di a.moro
      Bene, bravo, bis!
    1. L'avatar di Millo74
      Citazione Originalmente inviato da grasthard Visualizza messaggio
      cosa c'entrano però le leggi sul copyright e la pirateria nel mondo dei mmorpg che penso sia l'unico settore dell'entertainment che non ne ha mai vista? (a parte se si considerano i botters e i goldsellers, ma comunque pagano il canone pure loro)
      E gli unoffy? non sono una sorta di pirateria?

      Pienamente daccordo.
    1. L'avatar di TitanSkillz
      Citazione Originalmente inviato da Armaghast Visualizza messaggio
      Bravo Kern. Scommetto che durante l'intervista, portava pure una maschera di Guy Fawkes sul viso.
      Lol, ma torna su sky.
    1. L'avatar di Krackel
      Grande Kern, sagge parole.
    1. L'avatar di badula
      sto pensando che anche se firefall mi sta sulle balle magari gli compro qualcosa nello shop quando esce!^^
    1. L'avatar di grasthard
      Citazione Originalmente inviato da badula Visualizza messaggio
      sto pensando che anche se firefall mi sta sulle balle magari gli compro qualcosa nello shop quando esce!^^
      mah, a me sembra solo un modo per farsi pubblicità gratuita cavalcando l'onda net-rivoluzionaria del momento, dato che comunque le SH che producono mmorpg (eccetto forse SOE essendo parte del gruppo sony) non hanno niente a che vedere con queste proposte, nè come fautrici/lobbisti nè come eventuali usufruttuari.

      e se fosse questo il caso (pubblicità gratuita) faresti solo il loro gioco a comprare prodotti senza esserne interessato
    1. L'avatar di Etrius
      Citazione Originalmente inviato da grasthard Visualizza messaggio
      mah, a me sembra solo un modo per farsi pubblicità gratuita cavalcando l'onda net-rivoluzionaria del momento, dato che comunque le SH che producono mmorpg (eccetto forse SOE essendo parte del gruppo sony) non hanno niente a che vedere con queste proposte, nè come fautrici/lobbisti nè come eventuali usufruttuari.

      e se fosse questo il caso (pubblicità gratuita) faresti solo il loro gioco a comprare prodotti senza esserne interessato
    1. L'avatar di Armaghast
    1. L'avatar di Arzon
      Citazione Originalmente inviato da grasthard Visualizza messaggio
      mah, a me sembra solo un modo per farsi pubblicità gratuita cavalcando l'onda net-rivoluzionaria del momento, dato che comunque le SH che producono mmorpg (eccetto forse SOE essendo parte del gruppo sony) non hanno niente a che vedere con queste proposte, nè come fautrici/lobbisti nè come eventuali usufruttuari.

      e se fosse questo il caso (pubblicità gratuita) faresti solo il loro gioco a comprare prodotti senza esserne interessato
      Non importa se è per farsi pubblicità, sono d'accordo ugualmente con lui, almeno l'ha detto, gli altri invece tacciono e intascano i soldoni.
    1. L'avatar di Oniraff\
      Citazione Originalmente inviato da grasthard Visualizza messaggio
      dato che comunque le SH che producono mmorpg (eccetto forse SOE essendo parte del gruppo sony) non hanno niente a che vedere con queste proposte, nè come fautrici/lobbisti nè come eventuali usufruttuari.


      Dici ACTIVISION-Blilzzard o EA-Bioware?
    1. L'avatar di badula
      Citazione Originalmente inviato da grasthard Visualizza messaggio
      mah, a me sembra solo un modo per farsi pubblicità gratuita cavalcando l'onda net-rivoluzionaria del momento, dato che comunque le SH che producono mmorpg (eccetto forse SOE essendo parte del gruppo sony) non hanno niente a che vedere con queste proposte, nè come fautrici/lobbisti nè come eventuali usufruttuari.

      e se fosse questo il caso (pubblicità gratuita) faresti solo il loro gioco a comprare prodotti senza esserne interessato
      guarda posso dire che non mi frega niente se ci crede veramente in quello che dice?^^
      Mi basta che lo dica e agisca in linea con quanto afferma!^^
    1. L'avatar di NoOnE25
      Citazione Originalmente inviato da Mulcarn Visualizza messaggio
      Per fortuna ogni tanto anche dall'altra parte c'è chi ha iniziato a capire che il problema oggi non è più tanto la questione dei diritti d'autore, ma il fatto che un certo modello obsoleto, per quanto forte delle attuali leggi, è ormai troppo vecchio e non regge il confronto con una realtà di oggi che è molto diversa ed è andata molto oltre il vecchio sistema, e non può tornare indietro. Purtroppo ciò che è vecchio, e non vuole cedere il passo al cambiamento, ha un solo modo per cercare disperatamente di rimanere ancorato al passato: reprimere il più possibile il cambiamento... cosa che non evita il cambiamento, perchè il cambiamento non può essere in ogni caso evitato, ma solo ritardato in modo tale da renderlo ancora più traumatico e improvviso.
      Quotissimo.
    1. L'avatar di Lord Marcus
      Giusto. Viva la rivoluzione. Viva l'indipendenza... viva viva viva Villa
      e perchè no... a morte i publisher imperialisti :P
    1. L'avatar di knaust
      sono assolutamente d'accordo con Kern e aggiungo che tutelare i diritti di autore a scopo di lucro è un vero e proprio crimine etico. i diritti devono riguardare solo e soltanto la proprietà intellettuale e non devono essere vincolanti di altri progetti di modding e hosting (per quanto riguarda i mmorpg ad esempio il fenomeno dei server privati di Uo/daoc/wow/aion/l2 ecc ecc) per i quali si potrebbe tranquillamente trovare un accordo tra community e sh - tipo l2 eu. in effetti pare che gli unici ad aver capito che, non potendo batterli, tanto vale farseli amici, sembra essere la ncsoft.