Ammiraglio caduto. Il racconto

Nalfein

Lurker
Accadde dunque che una notte
Chi da terra e chi dal mare
La septima Legio accorse a frotte
Per il Porto conquistare
Passaron le porte con forza e ardore
L'uno all'altro tutti cinti
Per raggiunger con fervore
I nemici ancor non vinti
Ma non subito era possibile
Prima un altro da schiantare
Avversario assai temibile
Senator si fa chiamare
Egli e' forte e un mago attento
Serve piglio ed attenzione
I suoi servi fan sgomento
Ma essi vinser la tenzone
Ma dovettero aspettare
Un nemico ancor vi era
Prima di poter provare
La vera sfida della sera
La battaglia fu assai dura
Interrotta in certi punti
Col "Signor della paura"
Davanti al qual erano giunti
Poco altro ormai restava
L'ammiraglio li attendeva
Lui dall'alto li guatava
E il sorriso si spegneva
"Tutti pronti" Viven disse
"Buff a posto e concentrati"
Al primo tag Killery visse
Perche' tutti eran bloccati
Subito i tank il mob giraron
Tutti gli altri alla sua schiena
E solerti lo picchiaron
Come gli altri assai con lena
Tutto a posto a fin meta'
In controllo e danni tanti
Ma purtroppo la' per la'
Lui uccise tutti quanti
"Che accade oh accidenti"
Disse la Legio ancor sdraiata
"Usiamo tutte le nostre menti
Soluzione va trovata"
Comincio' uno di loro
"Sapete che ho notato?"
Con la voce fuori dal coro
"Disse l'aggro e' poi cambiato
Io insisto ed io non verto
L'ho veduto con sgomento
Sono sicuro ne son certo
Cambia al piu' al 10 percento"
"Bravo bene bella idea"
Disser tutti quanti insieme
"Troppo aggro noi si crea
Il dps si trattiene"
E provaron un'altra volta
Il percento da guardare
E la spada in tempo tolta
Evitando di aggroare
Poi Waba disse "Aspetta
Io lo dico e non mi pento
Dopo il 50 in tutta fretta
Cambia al 5 di percento"
Bene allora la sentenza
Questo cambia ritmo a iosa
Di menare con violenza
Non e' tempo e non e' cosa
Continuaron quindi piano
calando l'armi a manca e dritta
L'ammiraglio non piu' sano
Ormai vicino alla sconfitta
Ultimi istanti della tenzone
Tutti silenti e concentrati
Sol nell'aria la canzone
Dei tre bardi infervorati
Pochi colpi e lui cadra'
Urla incitano alla vittoria
Alcuni dicon "Si vedra'"
Ma ormai l'Ammiraglio e' storia
Cadde solenne poco dopo
Il boato e poi il fermento
Festeggiamenti furon d'uopo
Per il grande bel cimento
Era fatta bravi tutti
Strategia assai di pregio
Niente movimenti brutti
Grande assai l'intera Legio
E' finito qui il racconto
di una strabiliante impresa
Di un gruppo sempre pronto
Alla sfida e alla contesa
Sper che abbiate ora diletto
che non siate ormai uno straccio
Dopo avere lungo letto
un saluto ed un abbraccio
Da un bardo che e' sincero
Verita' io non ammanto
Io non mento oh si davvero
Cio' che accade... io lo canto
 
Ultima modifica:

Vulcan

Super Postatore
D:

Waba sei INCOMMENSURABILE, dentro di me ho riso e pianto a leggere un AUTENTICO canto da bardo della nostra impresa! :O + ;_; + :D = io ora

Grandissimissimo, complimenti! :clap:
 

Sawyer

Mito
Sti caxxi! senza parole! Veramente molto bella...ci son dei punti che scorre che è una meraviglia....io però avrei commentato con uno screen che il fetente client di vg nn mi ha salvato nella sua cartella >.<
 
Alto