Call of Duty Vanguard: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Call-of-Duty-Vanguard-2048x1152.jpg


Uno degli sparatutto più longevi della storia videoludica è senza ombra di dubbio la serie Call of Duty, la quale nel corso degli anni ha visto numerosi titoli, alcuni di essi provenienti da saghe come Black Ops o Modern Warfare. Quest'anno Activision riporta i giocatori indietro nel tempo, alla Seconda Guerra Mondiale, teatro di battaglie più volte rappresentato in passato, attraverso una nuova serie chiamata Vanguard.

Call of Duty Vanguard Recensione​

La campagna di Call of Duty Vanguard vi fa vestire inizialmente i panni di un soldato sconosciuto, successivamente l'azione passerà ai veri protagonisti, i quali non si diversificano solo in aspetto e retroscena sulla storia ma anche abilità ed equipaggiamenti. Ancora una volta Activision dimostra di come sia intenzionata a continuare il supporto della lingua italiana nel doppiaggio, cosa che è stata abbandonata di recente da Ubisoft. La storia di Vanguard, della durata di 9 capitoli, vi porterà ad esplorare luoghi come Normandia, Libia, Egitto, Stalingrado, Amburgo e le isole Midway e Boungainbille.

A differenza del passato, la campagna non vuole rubare poi molto tempo al giocatore, togliendo di mezzo le attività secondarie che in passato la contraddistinguevano e riducendo al minimo la raccolta dei collezionabili, quasi a voler condurre il giocatore per mano fino ai titoli di coda. Se da un lato vi è un'intelligenza artificiale piuttosto discutibile, dall'altro vi è una distruttibilità ambientale da elogiare, con la possibilità non solo di posizionare le armi su superfici specifiche, come dei muretti, ma anche di spiare i nemici presenti in una stanza utilizzando la porta. L'esperienza non poteva essere completa senza la presenza della modalità Zombie, la quale permette di affrontare missioni co-operative per sopravvivere ai non morti in ambietnazioni differenti, soggette a mutamento.

Call-of-Duty-Vanguard-2.jpg


La modalità in questione permette di vestire i panni di uno dei 12 operatori disponibili da subito, tra cui i protagonisti della campagna, vale a dire Kinglsey, Petrova, Riggs e Jackson. Lo scopo è quello di sopravvivere alle ondate di non morti e portare a termine una serie di missioni, spettando al giocatore decidere quando rientrare o se proseguire per ottenere ricompense migliori. In Zombie affronterete non solo infetti tradizionali ma anche speciali. Se la campagna e la zombie fanno da contorno all'esperienza, il piatto forte è ovviamente il multiplayer competitivo, il quale permette di cimentarsi in partite rapide con preset Tattico, Assalto e Blitz o playlist con modalità come Uccisione Confermata, Cerca e Distruggi, Tutti contro Tutti e Postazione.

Ovviamente non poteva di certo mancare all'appello il Death Match a Squadre nelle varianti Dominio e Pattuglia, in 20 differenti mappe con supporto crossplay, il quale consente di giocare con chi proviene da piattaforme differenti. Come da tradizione viene mantenuto il classico sistema di progressione, il quale permette di sbloccare operatori, armi, accessori e personalizzazioni, alcuni gratis altri invece acquistando il Pass Battaglia. Purtroppo però ciò che avete ottenuto in Modern Warfare o Black Ops non può essere mantenuto, a differenza di Warzone, il cui Battle Royale è ovviamente integrato in Vanguard, con la possibilità tramite il menu principale di accedere anche alle campagne e multiplayer oltre che Zombie di Call of Duty Black Ops Cold War e Modern Warfare.

Call-of-Duty-Vanguard-3.jpg



Sul fronte grafico il titolo è mosso dal medesimo motore di Modern Warfare, il quale offre scenari e modelli di tutto rispetto, con una risoluzione che non scende a compromessi con il framerate, rendendo l'esperienza ben bilanciata e fluida, con caricamenti piuttosto rapidi resi possibili dagli hardware di nuova generazione. Call of Duty Vanguard è uno sparatutto che a distanza di anni torna al cosiddetto primo amore, la seconda guerra mondiale, la quale ha permesso al franchise in passato di avere il successo sperato che gli ha permesso di diventare nel tempo uno degli FPS più giocati. Dimenticate ciò che avete appreso e visto in Black Ops Cold War o Modern Warfare, Vanguard strizza l’occhio ad un’epoca in cui il progresso tecnologico era ben distante da come lo conosciamo oggi, un’età buia per il mondo, con scenari provati da lunghe, sanguinose ed estenuanti battaglie.

Call of Duty Vanguard Gameplay Trailer​

 
Alto