'CHOC': Intervista all'Italiano che ha finanziato con 3600€ Chronicles of Elyria

700e5822-9096-4aba-b5db-845d610ef253.jpg


Nei mesi precedenti abbiamo preparato una chicca per voi: un'intervista che ci ha rilasciato quello che ha senso immaginare essere il più illustre tra i giocatori (futuri) italiani di Chronicles of Elyria. Abbiamo parlato con il nostro caro @Duca Darius, che ha donato la bellezza di 3600 euro ai ragazzi del team. Il motivo di tanta generosità? Non è affatto scontato! e potete leggerlo qui sotto...

Intervista a "Duca Darius"
Screenshot_51.png
MMORPGITALIA: CoE sembra un gioco davvero incredibile: tra contenuti fattivamente già presenti e promesse in campo non si riesce a distinguere tra la realtà e la finzione di questo progetto. Quando hai capito che questo titolo ha quello che cercavi in un MMO?

Da subito ho notato un particolare modo di porsi di Soulbound Studios differente da quello di altri progetti che ho finanziato e che mi hanno deluso in vario modo. CoE si discosta da tutti gli altri progetti che mi hanno allontanato dal crowfounding in precedenza. Non si appella a un grande nome dell'industria per vendere (compro un gioco o uno sviluppatore in fondo?) né si pone come seguito, spirituale o meno, di qualche altro titolo. Questo nonostante molte delle peculiarità di COE siano presenti da tempo immemore negli MMO, come loot dei personaggi (UO), 9 stat divise in 3 gruppi (SWG) o contratti (tipo EvE ma molto più liberi e potenti) per fare degli esempi.

Screenshot_48.png

*Uno delle feature del gioco di sicuro impatto è certamente quello dei contratti: quest creabili dai giocatori per i giocatori. Incredibile...

MMORPGITALIA: Molti potrebbero pensare che sia una follia spendere così tanto per un titolo che ad oggi è ancora nell'immaginario degli sviluppatori. Quanto credi sia importante ad oggi il modello del backer che paga direttamente lo sviluppo dei titoli che ama?

Sono giocatore da una vita. Ho visto e vissuto moltissimi modelli commerciali e quello attuale del crowdfounding è un modello che onestamente non mi piace per nulla. Un male necessario ai nostri tempi, infatti tutti conosciamo la triste e ormai diffusa “Founding Fatigue”.
Il modello backer è fondamentale per l'innovazione nel mondo dei videogiochi ma perverso intrinsecamente...
Il Crowdfounding sarà sicuramente il futuro immediato dei giochi innovativi, dato che purtroppo si è visto il fallimento delle grandi case di sviluppo nell’uscire dai canoni imposti da altri più grandi prima di loro per la paura di fallire. Persino Blizzard ha preferito diversificare (Overwatch, HoTS) piuttosto che confrontarsi con l’idea che la gente ha di un MMO Blizzard, cancellando il suo stesso progetto Titan e trovando più remunerativo attaccare WoW al respiratore della terapia intensiva.

SoulSelection.jpg

*Verranno creati nuovi personaggi che erediteranno l’anima dei predecessori. Per fare un esempio per raggiungere la perfezione in Forgiatura saranno necessarie diverse vite passate a fare il fabbro e conoscenze tramandate di padre in figlio.

MMORPGITALIA:
Hai speso un mucchio di soldi su CoE e conti di avere qualcosa in cambio: quale sarà la tua più grande soddisfazione il giorno della release?

Aver contribuito al buon lancio del gioco sicuramente. Molti pensano che la parte di backing monetaria sia l’unica, in CoE tuttavia ci sono svariate fasi di sviluppo in cui noi pledger verremo chiamati a creare il mondo di gioco iniziale. Per chi entra la prima volta in una palude in stile “Paludi Morte” di LotR potrà sembrare un ottimo setting creato dagli sviluppatori. Per noi invece sarà un acquitrino dove si è combattuta una enorme battaglia tra due regni in lotta tra loro lasciando tumuli e cadaveri. Dove i giocatori che entrano la prima volta in gioco vedranno rovine di una città, noi sapremo esattamente che un tempo c’era la città che ha pensato di cercare l’indipendenza da un terribile tiranno il quale alla fine l’ha rasa al suolo.
Loro creeranno un mondo iniziale relativamente asettico e gli strumenti per popolarlo, saranno poi i pledger a renderlo vivo e realistico, con storie di guerre e intrecci dinastici...
SBS ha scelto di fare un “Crowdfounding creativo” del gioco. Loro creeranno un mondo iniziale relativamente asettico e gli strumenti per popolarlo, saranno i pledger a renderlo vivo e realistico, creando altri paesi, distruggendone di esistenti, con storie di guerre e intrecci dinastici. Maggiore è il livello di pledge, maggiore il livello di influenza che si può avere sul mondo di gioco. Dalla storia recente che sarà creata con una specie di Early Access di 3 mesi chiamato Exposition, a quella più remota (50+ anni prima rispetto al tempo del gioco) che verrà creata con altri due strumenti ElyriaMUD e Kingdoms of Elyria.

Screenshot_46.png

* Il design su COE è decisamente d'impatto e ben riuscito nel rimediare ai giocatori un'idea di quanto il prodotto finito possa diventare realistico.

MMORPGITALIA:
Perchè la comunity italiana di MMORPG dovrebbe avvicinarsi a questo titolo più di qualsiasi altro?

Conte Darius: Sicuramente Chronicles of Elyria è il progetto più visionario degli ultimi anni. Presenterà tutta una serie di caratteristiche del mondo reale. Si verrà posti davanti a scelte vere. I personaggi dei giocatori non spariranno nell’etere alla disconnessione ma resteranno nel gioco come Offline Player Character e saranno visibili agli altri eseguendo compiti che noi avremo programmato a parte (chiudete la porta di casa a chiave prima di scollegarvi!).
Non esisteranno forme di premi casuali ingiustificati come “droppare il leggendario BiS subito” o troveremo un “maglio superiore della sconsideratezza” nel loot di un coniglietto.
Il potere non sarà immutabilmente nelle mani di chi lo ha, i personaggi vivranno e moriranno. Non sarà tutto perduto quando il personaggio muore ma chiaramente dovremo rimetterci a livello del precedente personaggio, che raggiungeremo più velocemente rispetto la vita precedente, per poi superarlo.

Screenshot_49.png

*All'inizio della nostra avventura dovremo decidere che regnante servire. Eppure non è detto ci possano essere dei ripensamenti lungo lo svolgimento della nostra 'trama personale'.

MMORPGITALIA:
Hai dei progetti personali che intendi portare avanti su CoE?

Il mio progetto è intimamente interconnesso al Regno di Arkadia, capitanato Raziel. Questa persona, con cui ho avuto il piacere di condividere una cena, ha creato la più solida e vasta comunità europea ad oggi, parlando 5 lingue diverse e coordinando da vicino gruppi diversi. È stato dopo averlo incontrato di persona che ho deciso di spingere al pledge attuale con un incremento del 600% rispetto al livello in cui ero.
Il Ducato di Lyrhia si vuole porre come casa per tutti quegli italiani che vorranno avere il piacere di giocare a questo gioco...
A livello di ducato potremo avere leggi personalizzate e gestire quasi interamente l’economia e l’ambito militare verso le direzioni che meglio si adatteranno al bene comune. Il Regno di Arkadia inizierà come composizione di 7 Ducati. Sceglieremo un regno in cui iniziare e punteremo a conquistare il potere con la forza.

Screenshot_52.png

*Ogni “vita” costerà 30$ (con durate che vanno da 8 mesi a un anno in base a quanto saremo “spericolati”, ben meno rispetto agli MMO a canone!

MMORPGITALIA: A pensarci questa storia potrebbe ricordare molto quella di tanti altri utenti che come te hanno versato cifre considerevoli su Star Citizen. Consideri la figura dei backer un'evoluzione del cliente inteso in senso classico?

Conte Darius: Allo stato attuale sì. Se il cliente giocatore vuole intrattenimento casual da salotto può semplicemente comprare un gioco sperando forse di non pagare altro. Come ben saprai però ormai tutti i giochi hanno Espansioni, DLC, Season Pass o comunque modelli di backing indotto che la gente asseconda quotidianamente, perfino sulle console ormai.
Tutto sommato in CoE l’unica spesa sarà la vita che ci giochiamo annualmente (circa una permadeath all’anno), poi starà a noi scegliere se vivere una vita spericolata o meno!
Per essere eroi dovremo essere eroici e questo comporta alte probabilità di morire in modo inglorioso. Tuttavia essere eroi ci farà diventare davvero tali con fama e imprese uniche che solo noi avremo compiuto sul server.

Screenshot_54.png

*Il design delle armature di ciascun regno verrà deciso dai Re in persona (ce ne saranno 5), per dare un tocco ancora più 'leggendario' a COE.

MMORPGITALIA:
Hai avuto dei contatti particolari con gli sviluppatori dopo le tue generose donazioni?

Conte Darius: A parte il fatto che ci sono canali diretti aperti a tutti con gli sviluppatori (IRC, Discord, forum…) ho avuto accesso a tutti gli altri canali che sono compresi nel mio pacchetto backing come promesso. Abbiamo sessioni mensili di domande e risposte dirette con gli sviluppatori, forum esclusivi, discord esclusivi e sempre come da mio backing verrò invitato agli studi di sviluppo per un weekend di gioco di CoE in anteprima.

Screenshot_53.png

*le città saranno immense: contenute in ampie fette di territorio e governate dalla volontà dei regnanti di turno.. perchè in effetti.. possono cambiare!

MMORPGITALIA:
Cosa ottiene un giocatore che spende così tanto in termini di contenuti?

Conte Darius: È risaputo che la cosa che ha maggiormente discriminato la scelta dei tier per i backer è stata l’accesso alle fasi di test (Alpha, Beta…) seguita dai titoli nobiliari. Sicuramente la cosa che vale di più nel mio tier è il titolo. Da Duca avrò tutta una serie di poteri e doveri. Protezione della popolazione, gestione di carestie o carenze di beni, organizzare i Conti per massimizzare l’economia favorendo gli scambi tra le città del ducato, assegnazione degli sceriffi, sono solo alcuni dei compiti che mi spettano e che richiederanno una quantità di tempo di gioco fissa ogni settimana.
Gran parte della personalizzazione del mondo di gioco sarà in mano ai giocatori nell’Exposition e gli EP serviranno ai giocatori esattamente a questo, a creare contenuti prima del lancio!
Venendo alla parte più personale ho circa 15000 Exposition Point che mi permetteranno durante l’Exposition di creare sicuramente un podere personale decoroso, e possibilmente un borgo annesso (qualcosa di simile a Monteriggioni di AC II). Dopo l’Exposition verranno convertiti in punti storia perdendo molto del valore (poco utile non sfruttarli). Queste sono i contenuti maggiori, ma sinceramente avrò molte altre cose, come dare nomi a costellazioni, blasoni di famiglia, un ritratto mio reale “Elyrianizzato” e che rappresenterà un antenato famoso, o la creazione di un set di armatura.

4OuHWp5-1.jpg

La SpatialOS è una architettura innovativa che permetterebbe di superare i limiti fisici che abbiamo visto negli RvR moderni (es. ESO) dove molti elementi possono manipolare la lag a proprio vantaggio causando disagi di vario tipo.

MMORPGITALIA: Il fatto che tu stia rilasciando questa intervista dimostra che non ti frega molto del parere della gente. Cosa rispondi a coloro che credono tu abbia perso la testa o che stai sbagliando a finanziare così un videogame?

Conte Darius: Sicuramente non ho finanziato la cifra tutta assieme né tantomeno subito all’apertura del Kickstarter. Sono passati 6 mesi di studio del gioco, valutazione dei pro e contro, della serietà del progetto e come detto ho conosciuto di persona il capo del progetto Arkadiano prima di lanciarmi tanto. Notizie provenienti dal mondo del gaming poi mi hanno dato ragione sulla valutazione della serietà di Soulbound Studios, in quanto la stessa è stata tra i primi a legarsi ad Improbable (startup londinese) per abbracciare il loro innovativo motore distribuito SpatialOS.
Il rischio nel finanziare un progetto simile esiste sempre e come accadrà in CoE non c’è vera ricompensa se non si corrono dei rischi!
Infatti poco tempo dopo Google, quindi non certo il primo che passa, ha deciso di legarsi ad Improbable fornendogli supporto e infrastrutture per i test del loro motore, e sebbene io capisca che possa essere un nesso “debole” tra Google e Soulbound Studios, ritengo sia ben più di quanto moltissimi progetti di crowdfounding possano vantare.

SkullCave.jpg

*Le ambientazioni di Chronicles of Elyria si prestano ai fatti più assurdi: dove ora c'è un rudere sfasciato, è facile immaginarsi una volta esisteva una florida villa..

MMORPGITALIA: E se i vantaggi che ti verranno concessi avendoli pagati si possono vedere un giorno cancellati dalla astuzia di un player più potente di te? Se tutto potesse arrischiarsi per un passo falso, oppure semplicemente perchè non hai saputo gestire le risorse? E' una possibilità concreta?

Conte Darius: I titoli come possono essere acquisiti, possono essere persi. Starà a me creare una grande dinastia e proteggere la linea ereditaria oltre che al territorio ed il titolo. Armature, statue, reliquie, case o altri contenuti di gioco sono tutti perdibili. Il design dell'armatura, il nome alla costellazione, il retaggio del ducato tutto il tempo passato a discutere con gli sviluppatori, suggerire idee, la visita ai loro studi di sviluppo, quello non me lo toglierà mai nessuno.
Essenzialmente per qualsiasi cosa si faccia pledge, quello sarà ciò che si avrà al giorno del rilascio.
A richiesta di giocatori, è concesso rinunciare ai titoli avendo una compensazione in Exposition Point per qualsiasi tier nobiliare. C'è chi ha fatto pledge massimi (Re) che però giocherà al massimo come Conte, questo per supportare il gioco, poter fare quel che vuole al rilascio con gli EP ma non volendo di fatto governare un regno.


Topic per la richiesta sezione di Chronicles of Elyria
Intervista INTEGRALE al link evidenziato

cleardot.gif
 
No, non è questo il punto. Il punto è che c'è una differenza tra una discussione costruttiva e spalare merda per il piacere di farlo. L'atteggiamento che Kuroi stava criticando, se ho ben interpretato, è il secondo. L'atteggiamento del "Io non mi fido e basta, fesso chi si fida, etc etc.", scoraggia un po' alla discussione.
Ripeto, io stesso sono scettico per COE, però cerco di rimanere ad un livello costruttivo, riflettendo sugli aspetti negativi e positivi di quel poco che abbiamo potuto vedere fino ad ora.

this.

ma è sicuramente più utile/interessante dire che un gioco è p2w e blabla, interesting discussions :asd:
 
Si sa già orientativamente quando sarà disponibile Elyria Mud? E chi vi avrà accesso? E' sufficiente avere una Spark of life o bisogna comprare un pacchetto, ed eventualmente quale? Barone? O basta avventuriero?

Indicativamente ci sono ipotesi sotto NDA, quindi onestamente la mia risposta ti lascia il tempo che trova e lo capisco. Date no, Comunque quest'anno. Vi avranno accesso tutti coloro con un account. Per il MUD non servono Spark, ne pacchetti. Ciascuno interpreterà il ruolo che avrà poi anche in KoE, Exposition e al lancio, ossia quello del pledge. Se uno registra solo account senza pledge sarà un popolano qualsiasi immagino.

Mi scuserete se non vi seguo su discussioni circa altri argomenti, tuttavia avete la mia massima disponibilità per chiarimenti sul gioco! :)
 
Siete seri? Ma come parlate? Sono letteralmente sotto shock. E' un giorno che cerco di capire cosa intenda. Sono l'ultimo che scrive in lingua italiana in questo pianeta? Perché diavolo vi siete inventati un aggettivo, in italiano, per descrivere "gioco per console"? Non lo hanno fatto manco in inglese. Posso ancora capire italianizzare i termini inglesi (e già quello fa schifo), ma questo è veramente troppo.
Seriamente, mi rifiuto di riconoscere il termine "Gioco consolare". E' veramente un obbrobrio, ed io che come un fesso cercavo di dare un significato degno di umana considerazione al periodo.

Nemmeno a Ciao Darwin ai bei tempi, sei da oscar, solo applausi.

Comunque, per la cronaca, "consolari" non è aggettivo in questo caso, è un semplice termine comunemente utilizzato in ambito videoludico per indicare gli utilizzatori di console, in questo caso PS e XBOX, anche se magari a casa tua si chiama semplicemente "scatola per i giochi a forma di cerchio".
Per placare la tua ottusità, il significato del periodo da me scritto era quello di aver sfruttato saghe famosissime tra i giocatori utilizzanti console, i famosi consolari, per ottenere una popolazione significativa nei due rispettivi mmorpg, ESO e FFXIV) gli unici "recenti" ad aver avuto successo.

Per il resto direi di chiuderla qui, non vorrei scadere nel sadismo più becero nel rispondere a determinati deliri.
 
Ultima modifica:
Volevo contenermi, ma tu persisti nel dimostrare un'ignoranza clamorosa, per cui...
Cosa significa che non è un aggettivo ma un "termine", ma scherziamo? In analisi grammaticale non esiste una cosa chiamata "termine": esistono aggettivi, pronomi, nomi, verbi etc. etc., ma le scuole dell'obbligo le hai fatte? Dire che ESO è un gioco "Consolare", significa utilizzare questa parola come aggettivo, anche se tu non te ne rendi conto. Lo sai cosa è un aggettivo? Bah, roba da pazzi.
Tornando sul merito, anche qui dici stupidaggini a profusione, adesso la saga di Elder Scroll è un prodotto per Console? Ma per piacere! Mai sentito parlare di Daggerfall? La gente ha giocato la saga di Elder Scroll per un decennio prima che questa approdasse sulle Console, non farmi ridere.
Quindi ricapitolando: non sai parlare in lingua italiana, utilizzi neologismi che usi solo tu e pretendi che la gente ti capisca, insulti random quando sei tu a non avere idea dello scenario MMORPG e videoludico in generale e sono io quello che delira? Andiamo bene.


P.S.
Analisi Grammaticale
Aggettivo
Non so se hai 10 anni o cosa, ma per favore, studia.
"Non è un aggettivo, ma un termine", sto ancora ridendo.
Per inciso, così la prossima volta che la maestra ti interroga non fai brutta figura, se scrivi "ESO è un gioco consolare", allora consolare è aggettivo qualificativo, se invece scrivi "Il consolare" da solo, riferendoti a "Il gioco per console" o "Il tizio che gioca con la console" allora si tratta di pronome qualificativo.
Anche io ne ho viste tante in vita mia, ma di dover fare una lezione di grammatica da scuola elementare su un forum di videogiochi non mi era capitato mai e sottolineo DOVER, perché altrimenti l'interlocutore non ha i mezzi per dialogare, tristemente.
 
Ultima modifica:
sssì, aggettivi e pronomi a parte io sarei più interessato a sapere cosa ci ha visto quel matto di @Duca Darius in Chronicles of Elyria tanto da spenderci tre mesi di stipendio da impiegato.

Quali sono le tue speranze per il futuro del gioco darius? Hai timore che diventi vaporware?
Qual è il mmorpg a cui hai giocato di più?
Quanti anni hai? che lavoro fai e quanto guadagni al mese? hai figli?
Quanto reputi importante l'aspetto social negli mmorpg? Ti sei fatto degli amici giocando?

scusa per tutte le domande ma mi interessa sapere cosa ti frulla per la testa
 
Ultima modifica:
sssì, aggettivi e pronomi a parte io sarei più interessato a sapere cosa ci ha visto quel matto di @Duca Darius in Chronicles of Elyria tanto da spenderci tre mesi di stipendio da impiegato.

Quali sono le tue speranze per il futuro del gioco darius? Hai timore che diventi vaporware?
Qual è il mmorpg a cui hai giocato di più?
Quanti anni hai? che lavoro fai e quanto guadagni al mese? hai figli?
Quanto reputi importante l'aspetto social negli mmorpg? Ti sei fatto degli amici giocando?

scusa per tutte le domande ma mi interessa sapere cosa ti frulla per la testa

Le mie speranze sono chiaramente le migliori, o non avrei agito come ho fatto. Che il gioco diventi vaporware direi proprio di no, di ciccia al fuoco ne stanno mettendo, considerate che le notizie ultime (tribù presenti in gioco), per chi ha pledgiato maggiormente se ne parlava da tempo ma purtroppo siamo sotto NDA (anche per evitare isterismi o incomprensioni di massa). Quindi il timore non esiste da parte mia, anche se la possibilità c'è come in tutto al mondo. Il rischio 0 non esiste e a maggiore rischio maggiore ricompensa possibile (o legnata sui denti).

Quello a cui ho giocato maggiormente è World of Warcraft, a seguire Ultima Online e Star Wars Galaxies, che giocherei tutt'ora non ci fosse stato l'NGE anche se gioco su server EU basato su SWG-Emu, ma non è la stessa cosa...

Ho passato i trenta anche se la testa è giovane! Guadagno quanto un operaio specializzato ma non quanto un mio pari titolo di studio (ingegnere), perché non voglio lasciare l'Italia. Ho moglie e un figlio.

L'aspetto social è fondamentale, altrimenti giocherei ai single-player. Le altre persone non sono solo dei BOT intelligenti insomma! Nel corso degli anni mi sono fatto tantissimi amici in Italia e non, con cui ho condiviso serate e raduni. Ci sono amici che conosco da quasi vent'anni e che continuo a frequentare attualmente.

Tranquillo! A volte mi fermo a domandarmi anche io a cosa mi frulli per la testa :p
 
Le mie speranze sono chiaramente le migliori, o non avrei agito come ho fatto. Che il gioco diventi vaporware direi proprio di no, di ciccia al fuoco ne stanno mettendo, considerate che le notizie ultime (tribù presenti in gioco), per chi ha pledgiato maggiormente se ne parlava da tempo ma purtroppo siamo sotto NDA (anche per evitare isterismi o incomprensioni di massa). Quindi il timore non esiste da parte mia, anche se la possibilità c'è come in tutto al mondo. Il rischio 0 non esiste e a maggiore rischio maggiore ricompensa possibile (o legnata sui denti).

Quello a cui ho giocato maggiormente è World of Warcraft, a seguire Ultima Online e Star Wars Galaxies, che giocherei tutt'ora non ci fosse stato l'NGE anche se gioco su server EU basato su SWG-Emu, ma non è la stessa cosa...

Ho passato i trenta anche se la testa è giovane! Guadagno quanto un operaio specializzato ma non quanto un mio pari titolo di studio (ingegnere), perché non voglio lasciare l'Italia. Ho moglie e un figlio.

L'aspetto social è fondamentale, altrimenti giocherei ai single-player. Le altre persone non sono solo dei BOT intelligenti insomma! Nel corso degli anni mi sono fatto tantissimi amici in Italia e non, con cui ho condiviso serate e raduni. Ci sono amici che conosco da quasi vent'anni e che continuo a frequentare attualmente.

Tranquillo! A volte mi fermo a domandarmi anche io a cosa mi frulli per la testa :p

grazie per aver risposto, io sono uno studente fuori corso e lavoro per pagarmi l'università (e la pappa), e sono sempre contento di vedere ragazzi un po' più grandi di me che nonostante le responsabilità maggiori non trascurano i loro hobby e le loro passioni.
anche se penso lo stesso che sei un po' matto mi hai incuriosito riguardo Chronicles of Elyria, magari ci becchiamo in qualche mmorpg :ciao2:
 
grazie per aver risposto, io sono uno studente fuori corso e lavoro per pagarmi l'università (e la pappa), e sono sempre contento di vedere ragazzi un po' più grandi di me che nonostante le responsabilità maggiori non trascurano i loro hobby e le loro passioni.
anche se penso lo stesso che sei un po' matto mi hai incuriosito riguardo Chronicles of Elyria, magari ci becchiamo in qualche mmorpg :ciao2:

Sarebbe un piacere!
 
Bha...

Fatemi capire, se io spawno figlio di un contadino, devo sottostare pure ad un DUCA CONTE SEMENZARA qualunque che magari nella vita REALE fa fotocopie per i propri capi (senza offesa eh ) e nei gioco mi può riempire di tasse varie per mantenere il suo reame e riempire il suo ego ?

Cioè non posso farmi i cavoli miei, andare in giro e sviluppare il mio personaggio, uccidere nemici, farmi un'equip che mi soddisfi, qualche duello pvp?
Debbo svolgere un ruolo per forza ?
Pagare l'imu?
La tari?

Mi sembra un simulatore di rotture di balle, altro che gioco..



ma i mega Re che hanno pagato 10000 bombe, lo sanno che una volta spento il PC, il titolo Mega direttore galattico duca conte Balzamam non vale piu?


Scherzi a parte, ma neanche tanto, che cosa mi offre il gioco se non sono un nobile?
 
Il fatto è che noi villan........noi villan.....
e sempre allegri bisogna stare che il nostro piangere fa male al re fa male al ricco e al cardinale
diventan tristi se noi piangiam
 
Vorrà dire che l'italiano che ha speso 2.000€ per un castello su Greed Monger sarà in buona compagnia :asd:

lol

La mia regola ormai è: mai comprare un gioco finchè non è finito. Se l'azienda sviluppatrice non ce le fa con i suoi soldi vuol dire che il gioco non sarà mai completato o sarà differente da quello che credevi.
Gli unici EA che provo sono quelli di cui trovo una key gratis o che sono già gratuiti
 
Alto