Con il Data Mining scoperte feature Nascoste di World of Warcraft

kourahn

Divo


Vi ricordate del BlizzCon 2016? Quello in cui molti si aspettavano la svolta sui server ufficiali? Noi a tinte sbiadite, anche se è stato meno di un paio di settimane fa. Uno dei cosidetti Hot Thread è stato quello riguardante un uso più flessibile dei WoW Tokens, che potrebbero diventare in futuro non solo la valuta ideale per acquistare tempo di gioco, ma anche una moneta da utilizzare negli store online. Traduciamo quindi in termini meno politically correct: usare i soldi del gioco per cambiare server o fazione o qualsiasi altro tipo di servizio.

Il primo indizio possibile a surrogare una tesi di questo genere viene direttamente dal datamining effettuato dagli utenti: dei ritrovamenti sospetti lasciano supporre che cambiamenti in questo senso arriveranno con la patch 7.1.5. Per i non attrezzati culturalmente: cos'è il datamining? E' la ricerca di informazioni attraverso i file di gioco, informazioni sui boss, feature o dungeon non ancora rivelate ma nascoste all'interno delle cartelle. Ha funzionato con tanti titoli, funzionerà anche per WoW? Probabile, ma non è certo.

Ad oggi potrebbe essere una semplice speculazione eppure persino il sito di informazione specializzato Wowhead (con tutto ciò che di nuovo c'è da sapere con il prossimo update), qualcosa in merito a questa drama story la riporta. La 7.1.5 in generale è una patch che va a modificare e ribilancia alcune classi in modo piuttosto pesante (con relative crisi isteriche della gente che svalvola per i nerf). Cosa altro ci aspettiamo nel futuro di questa patch?
  • Mists of Pandaria Timewalking Dungeons
  • The return of Brawler's Guild with dozens of new bosses, shirts, and a new currency - Brawler's Gold
  • Micro-holidays such as Ahn'Qiraj Remembrance Day, Volunteer Guard Day, Hatching of the Hippogryphs, Boat Day
  • Blade's Edge Arena Revamp
  • Class changes and secondary stat tweaks
*ecco il tweet di Celestalon Technical Game Designer di World of Warcraft.

Tutti i crediti per questa notizia vanno a @Grigdusher
 
Alto