Guild Wars 2: Path of Fire - RECENSIONE



Benritrovati su MMORPGITALIA ! :coffe:

A distanza di quasi 2 mesi dall'uscita dell'espansione di Guild Wars 2: Path Of Fire e a distanza di quasi altrettanti 2 anni da quella di Heart of Thorns, vogliamo portarvi a schermo le nostre esperienze e opinioni su questa nuova espansione di gioco proposta da ArenaNet.

LA MINACCIA DI BALTHAZAR

La nuova Living History di Path of Fire (o anche chiamata PoF) non è altro che il continuo della trama di quanto accaduto negli ultimi episodi della Living World Season 3 durante i quali Balthazar, Dio della Guerra e delle Fiamme, ha deciso di fare la sua comparsa tra i mortali mettendo a ferro e fuoco ogni cosa che potesse intralciare la sua ascesa.
Quindi ancora una volta sarà compito nostro quello di fermare la sua ira prima che rada completamente al suolo il continente di Tyria.
Nella nostra avventura non saremo però soli, stringeremo numerose alleanze tra varie tribu' e nuove popolazioni e fazioni del continente di Elona.

UNA MAIN STORY DIVERSA

Una Main Story che ci ha portato via circa 15 ore e un totale invece di 28 ore per completare interamente tutte le mappe al 100% comprese le ricompense extra e segrete (tralasciando gli archivement totali), ore ben spese a mio parere, una story line ricca di contenuti e di storia.
Abbiamo avuto modo di testarla anche in cooperativa a due player e ci siamo divertiti e meravigliati di notare che molte cose sono state migliorate in tal senso, infatti affrontando tali avventure in gruppo (ma non in tutte le missioni e solo alcune purtroppo), il capo gruppo sarà il protagonista della storia e il compagno di gruppo in questo caso sarà un Pet o una Mascotte dotata di abilità particolari per darci supporto nella missione.
Saremo inoltre portati a risolvere enigmi, affrontare jumping puzzle e affrontare combattimenti dinamici.

LE CAVALCATURE

Una cosa che ha fatto storcere il naso ad alcuni e che invece ha entusiasmato tantissimi. L'assenza delle mount su Guild Wars 2 si sentiva da troppi anni ed è stata un'ottima idea quella di implementarle adesso!
Non sono oltretutto delle semplici cavalcature fine a se stesse, ma sono dei validi supporti per coprire le lunghe distanze in mappe molto vaste e superare ostacoli che altrimenti sarebbero insormontabili. Infatti ogni nuova cavalcatura (e sono ben 4 di base più la quinta speciale), saranno dotate di diverse abilità ed ognuna servirà per superare o affrontare una determinata zona di mappa.
Ma non finisce qui! Possiamo usarle anche per ingaggiare i combattimenti in modo spettacolare e con una buona porzione di danno.
Ogni cavalcatura avrà inoltre un sistema di mastery che ci permetterà di potenziarle per accrescere le loro abilità di base.
Vediamo ora di conoscerle una ad una:

- The Raptor (in grado di spiccare lunghi salti frontali);
- The Springer (una specie di coniglio gigante mixato ad un canguro in grando di compiere salti altissimi);
- The skimmer (una manta in grado di levitare);
- The Jackal (un lupo fatto di sabbia e magia, in grado di teletrasportarsi in avanti);
- The Griffon (una cavalcatura extra in grado di planare e tenere quota per breve tempo).


Per ulteriori dettagli vi invito a vedere la video-recensione a fine articolo.

ELONA

Finalmente con Path Of Fire avremo accesso alla prima porzione del continente di Elona e più in particolare al Crystal Desert, mappa già nota ai giocatori del primo capitolo della saga, che dalla Crystal Oasis si dirama fino alle porte del Domain of Vabbi portandoci a scoprire cinque nuove ed enormi mappe.
In queste zone, grazie sopratutto alle nostre immancabili cavalcature, saremo impegnati a risolvere enigmi e ad inventare strategie per riuscire a superare gli ostacoli di queste nuove terre.
Le nuove zone sono davvero ben realizzare e curate nel minimo dettaglio, anche se nonostante siano zone per lo più desertiche, sono caratterizzate davvero bene sia a livello grafico che sonoro.
Anche se dagli eventi del primo capitolo sono passati quasi trecento anni, molte zone sono ancora simili o comunque riconoscibili, mentre alcuni luoghi, come Kodash Bazar ad esempio, sono stati irrimediabilmente trasformati in seguito alla furia dell'Elder Dragon Kralkatorrik, cosa davvero molto apprezzata.



LE NUOVE ELITE SPECIALIZATION

Come per
Heart of Thorns anche su Path Of Fire non è mancata per ognuna delle nove classi presenti in gioco un ulteriore ramo élite, che ci permetterà di utilizzare nuove armi, in precedenza escluse alla nostra classe.

- Il Guardian (Elite spec: Firebrand) può da ora impugnare l'ascia come arma primaria, acquisendo alcune abilità simili ai mantra del Mesmer e i tomi sostituiranno le virtù.

- Il Revenant (Elite spec: Renegade) potrà evocare lo spirito della leggendaria Charr Kalla Scorchrazor, ed usufruire della sua legione di Rinnegati e utilizzare potenti nuovi attacchi con l'arco corto.

- Il Warrior (Elite spec: Spellbreaker) sfrutterà questa volta 2 pugnali, conferendogli le abilità di contrattaccare ed interrompere rapidamente le abilità avversarie magiche.

- L'Engineer (Elite spec: Holosmith) è una classe veramente instabile, sfrutta l'interessante meccanica del surriscaldamento dei gadget ed in grado di infliggere un danno maggiore più alta è la temperatura, stando attenti a non ferirsi!

- Il Ranger (Elite spec: Soulbeast) viene data la possibilità di usare un pugnale come arma principale, e sarà in grado di fondersi con i suoi pet per incanalare la potenza in un unico essere.

- Il Thief (Elite spec: Deadeye) permetterà di utilizzare un fucile e sferrare potenti e letali attacchi alla distanza.

- I'Elementalist (Elite spec: Weaver) può mixare due tipi di abilità elementali simultaneamente, così da creare nuove e incredibili magie.

- Il Mesmer (Elite spec: Mirage) ancora una volta maestro delle illusioni questa volta con attacchi più ravvicinati ma letali, con nuove illusioni, chiamati miraggi.

- Il Necromancer (Elite spec: Scourge) utilizzerà il potere dei canti della morte e le punizioni per torturare e tormentare i suoi rivali.



Per ulteriori dettagli vi invito a vedere la video-recensione a fine articolo.

TIRIAMO LE SOMME!

Punti a favore:
- Una main story ricca di contenuti e bella da vedere e affrontare!;
- Un salto nel passato rivivendo terre già viste ma in cambiamento;
- 9 nuove classi da provare;
- Le cavalcature sono un valido supporto anche per le vecchie mappe.

Dubbi
- Le elite class, hanno costretto molti player a rivedere le proprie build e cambiare l'assetto da battaglia con nuovi equipment;
- Mancanza di nuovi contenuti come: Dungeon, Raid e contenuti PvP.

Staremo a vedere gli sviluppi e vi terremo aggiornati, ma in tutto questo voi, cosa ne pensate?

IL NOSTRO VOTO: 8

Vi lascio al video recensione che ho realizzato per questa recensione (un giudizio anche su quello è sempre gradito :adula:)

VIDEO-RECENSIONE:
 
#3
per quel che costa ne vale sicuramente la pena di acquistarlo purtroppo come ben dici l'assenza di dungeon ha un pochettino limitato tante cose all'interno del gioco
 
#4
stavolta l'ho cannata. non la reputo una cattiva espansione ma ogni tanto torno ancora a giocare HoT per le mappe meta evento ma ho letto che per PoF si sono molto concentrati sull'esplorazione con le mount ma gli eventi in generale non sono grossi o cmq passabili. lo prenderò scontato o aspetterò direttamente la prossima.
 
#5
stavolta l'ho cannata. non la reputo una cattiva espansione ma ogni tanto torno ancora a giocare HoT per le mappe meta evento ma ho letto che per PoF si sono molto concentrati sull'esplorazione con le mount ma gli eventi in generale non sono grossi o cmq passabili. lo prenderò scontato o aspetterò direttamente la prossima.
considerando che la prossima living story arriva il 28 novembre (prestissimo) è chiaro che pof non è altro che un “mega episodio” della living, più un content “usa e getta” esplori e completi e poi vai oltre alla prossima mappa della living.
 
#6
Credo che sia stata rilasciata così di proposito, sono curiosa di vedere le novità succose nel corso di questi mesi, più che le espansioni sono davvero incavolata per gli eventi delle feste che sono sempre gli stessi! ma è possibile? sono fatti stra bene ok, ma sempre gli stessi T_T
p.s. bravo rubaldo hai fatto un'ottima rece.
 
#7
Se non fosse per le mastery da fare in quelle mappe assurde tipo hot o della living story che dopotutto penso siano necessarie per il gamplay ci tornerei a giocare... ho provato a farle ma la noia e la tristezza infinita si prendono possesso del mio corpo e spengo =)
Peccato prima di HoT lo reputavo uno dei migliori al momento in circolazione.
Ma la strada che hanno intrapreso e che ormai non possono piu cambiare se non il contrario ovvero marciarci sopra non mi piace per nulla.
 
#8
considerando che la prossima living story arriva il 28 novembre (prestissimo) è chiaro che pof non è altro che un “mega episodio” della living, più un content “usa e getta” esplori e completi e poi vai oltre alla prossima mappa della living.
personalmente non ho trovato le mappe della living 3 di qualità, mentre le giocavo pensavo semplicemente che arenanet fosse impegnata di brutto per tirare fuori una grandiosa espansione quindi ci stava una caduta del genere (dry top e le silverwastes non ricordo se uscirono con le stesse tempistiche delle mappe lv3 ma sono tutt'ora su un altro livello seppure piccole). se hanno cambiato le tempistiche di uscita delle mappe della living per far contenti i giocatori va pure bene, ma sinceramente io non le giocherei se rimangono al livello di qualità della 3. eventualmente se vale la pena sono anche disposto a sborsarci gemme per comprare gli episodi della 4.
 
Alto