Il miracolo di Reikwald

I villaggi bruciavano, i contadini scappavano.
Un esercito della Distruzione stava avanzando tra i cadaveri di innocenti bambini smembrati e fatti a pezzi. Tra le case in fiamme le Streghe Elfe torturavano i prigionieri, mentre i Goblin provavano, pur con la loro molta ridotta indecente virtù, a violentare le donne.

I pochi sopravvissuti si rifugiarono tra le mure di Reikwald ed iniziarono a pregare Sigmar.
Mercenari, avventurieri ed eroi iniziavano a giungere in soccorso della cittadella ma tutto sembrava vano.
Tra i mille rumori, grida di panico e pianti, dall'esercito della Distruzione si udiva un unico urlo forte ed inquietante "WAAAGH!".

I cittadini si riunirono attorno ai preti a pregare Sigmar.
Le speranze sembravano ormai perse, la porta della cittadella stava per cedere.
Un piccolo manipolo di eroi giunse nella cittadella: erano alcuni fidati membri dell'Ordo Iustitiae con i loro alleati.
I cittadini impauriti si rallegrarono e, chiusi nei templi e nelle chiese, pregarono ancor più fervidamente Sigmar perché li aveva ascoltati, tuttavia non era abbastanza: serviva un vero miracolo perché le fila della Distruzione erano troppo numerose.

La porta cadde, tutto sembrò ormai perduto.
I nemici assetati di sangue si riversarono come bestie nella cittadella.

Fu in quel mentre però che arrivò Helluin. Il sole stava per sorgere e dietro di lui si vide un'ombra immensa che pian piano si proiettò sul terreno.
Il Principe Estel giungeva dalle lontane terre del Risveglio del Drago e di Caledor... e non era solo.
Dal cielo sì udì un ruggito mentre due ali enormi sbattevano via Goblin e Orchi con ventate poderose.
Iniziò a piovere fuoco. Il Drago vide gli Elfi Oscuri ed abbattè su di loro la sua collera con un soffio impetuoso.
Nel frattempo dal Tempio di Sigmar si propagò una luce e si scatenò un'onda d'urto che spazzò via le fila del Caos e dei suoi abomini.

Calò il silenzio e poi ci furuno solo grida di giubilo.

I cittadini uscirono dai loro rifugi, il nemico era distrutto ed i pochi in fuga urlavano nelle loro lingue blasfeme e gutturali un qualcosa di incomprensibile, qualcosa che nella nostra lingua verrebbe traslitterato come "Craaash!".
 

Hendioke

Divo
Divertente ^^

Picolo appunto però, i pelleverde sono privi di qualsivoglia stimolo sessuale. Uno stupro per loro è solo uno spreco di energie che potrebbero essere usate per uno smembramento :p
 
Alto