La Quest del Giorno: Age of Victory

Nolva

The Minimalist
[IMGTEXT="http://img190.imageshack.us/img190/8622/dsc00355kx.jpg"]Beh, visto che in Italia le cose fatte bene scarseggiano, soprattutto negli MMO, sarà ora di dedicare una quest ad una softco ed a un genere che non si tratta così spesso su questo sito, anche perchè non è propriamente un MMORPG. Stiamo parlando ovviamente di Vae Victis e del loro Victory: Age of Racing.[/IMGTEXT]Indubbiamente ne abbiamo già illuminato le doti a più riprese, anche perchè toccandolo con mano ci siamo resi subito conto della particolarietà del prodotto e della sua qualità. Ma è anche vero che il discorso potrebbe essere più ampio. In primis il coraggio di andare a sviluppare un prodotto maniacale nei dettagli là dove, nel racing online, potrebbero scontrarsi con prodotti si sicuro hype come l'attuale NFS o il prossimo Test Drive. Anche se un vero e proprio MMO, con tanto di progressione del proprio "personaggio", non c'è ancora in questo genere.

Un rischio quindi calcolato, che per quanto visto all'E3 da un punto di vista grafico e del gameplay fa un baffo anche a gioco single player come il prossimo Formula 1 di Codemasters. Però non voglio solo parlare del gioco in sè, ma di quanto sia difficile vedere nominata l'Italia nello sviluppo di giochi online e non, se pensiamo che pensando al nostro paese, da un punto di vista videoludico, ci viene in mente a malapena Milestone. Perchè? Per tanti motivi. Il mercato italiano conta un 8% circa di quello europeo, cioè noccioline. Trovare finanziamenti e sopravvivere durante lo sviluppo di un gioco è come provare la roulette russa. Ti può andare male in qualsiasi momento. Ora come ora quasi tutti i paesi europei contano più di noi, quelli dell'est sono un mercato emergente e il nord europa riesce a creare progetti ambiziosi online come Mortal (anche con tutte le dovute critiche ed i problemi del gioco).

Noi siamo alla finestra di un mondo che per i più non esiste. Già a malapena anche molti addetti ai lavori sanno di cosa parli, quando citi un MMO, e così vale per PR, case distributrici ecc. Quindi produrre un MMO è ancora più difficile che il già difficilissimo compito di mettere in piedi una software house che si occupa di "giochini". Vae Victis e i ragazzi che ne fanno parte stanno passando ed hanno passato dei momenti impegnativi, ed hanno messo praticamente tutto dalle loro tasche. I publisher prima di sbilanciarsi vogliono i risultati. Soprattutto se non sei la Blizzard ....

Di certo pur essendo un mercato che fattura in tutto il mondo più di quello dell'Home Video, per l'Italia retrograda non esiste a livello d'industria. Un cnto infatti sono i colossi della distribuzione, un conto sono le software house. E chissà perchè l'idea è la solita, che vale per tutti i tipi di forme entertainment in Italia, come la musica ad esempio, anche se in quel campo esistono i fenomeni "costruiti" e s'ignorano quelli veri. Sembra forse impossibile, per chi dovrebbe crederci da un punto di vista commerciale, che sia possibile sviluppare cose interessanti a livello videoludico anche in Italia.

Se lo fanno in altri paesi europei, senza parlare di oltre oceano o dell'oriente, dove chiunque ormai ci propone una sua software house, spesso senza la minima idea di cosa possa essere un prodotto decente, perchè da queste parti si parte dal presupposto che non si possa investire e quindi guadagnare sviluppando giochi?
Del resto la stessa Milestone dovrebbe insegnare che si può. Ma è rimasta la punta di un iceberg. Ed ecco perchè ci auguriamo di cuore che Vae Victis e Victory possano ottenere il successo che meritano e che siano adeguatamente supportati da Gamersfirst.

Per cui vi chiedo:

  • Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?
  • Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?
  • Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?
  • Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?
  • E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?

A voi le risposte.
 
Ultima modifica:
Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?
Perchè come i fumetti e cartoni animati c'è il pregiudizio culturale che siano cose unicamente per bambini e che portino quindi guadagni limitati, e poi penso che lo stesso sistema industriale italiano non sappia nemmeno quale immenso giro d'affari hanno questi prodotti.
Si preferiscono industrie più tradizionali, siamo un paese che vive di tradizione anche quando non funziona o è del tutto anacronistica, inoltre gli stessi governi italiani non hanno la mentalità per promuovere nuovi sistemi indistriali perchè i politici sono troppo impegnati a litigare tra loro per alzare la testa e guardarsi attorno.
Circa 15 anni fa in Francia lo stato iniziò a devolvere ingenti somme all'industria software e oggi il risultato è che Ubisoft è un publisher che fa concorrenza a EA e genera un mare di soldi.

Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?
Non abbiamo mai avuto grande maestria per l'informatica in Italia ma non credo potremo fare peggio di altri stati, quel poco che si è fatto in questo paese è stato tutto sommato anche di buona qualità, l'importante è che il prodotto sia valido dove è fatto non conta.

Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?
E' una nicchia di mercato con pochi concorrenti se sapranno giocarsi le loro carte bene non dovrebbero avere grossi problemi, molto dipenderà anche dal supporto che la sh sarà in grado di offrire.
Almeno è qualcosa di più originale del solto MMO fantasy da grindig estremo.

Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?
Togliendo Milestone con i suoi giochi sulla SBK e anni fa l'eccezionale Screamer in Italia ci restano solo le avventure grafiche di Artematica e un paio di piccolissime sh che non so neppure se siano ancora in vita.
Mi pare ci sia anche una sh veneta che ha creato qualche gioco per GameBoy ma non ne sono sicuro.

E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?
E' semplicemente stupido snobbare un'industria di questa portata considerando che per fatturato ha superato anche quella cinematografica che da sempre è la più grande del mondo.
Sarebbe imperativo per un paese che si definisce potenza industriale come il nostro stare al passo in tutti i settori e invece l'ottusità e la mancanza di coraggio nell'operare scelte coraggiose ci stanno facendo restare al palo.
Unite a questo il fatto che l'informatica nelle scuole sia ancora un oggetto misterioso e capirete bene perchè da questo punto di vista siamo considerati un paese quasi da terzo mondo.
 

Demonio

Divo
[cut]

Per cui vi chiedo:

  • Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?
  • Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?
  • Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?
  • Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?
  • E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?

A voi le risposte.

1. Siamo un popolo basilarmente ignorante e superficiale, programmare videogame non e' un lavoro interessante.
2. No, nn sono prevenuto.
3. Secondo me il mercato dei videogame automobilistici in italia puo' creare un adeguata cassa di risonanza.
4. Mi ricordo un gioco italiano di guida (guardacaso) e uno di moto (ma va?)
5. No che non e' giusto ma siamo in Italia no?
 

Ic80

Super Postatore
Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?

Perchè gli imprenditori italiani hanno solamente la mentalità del fare soldi e non investono soldi se il ritorno economico non è più che certo e sopratutto immediato, la lavorazione di un videogioco che richiede un certo investimento e che non ha nessuna garanzia di andare in attivo sicuramente fa storcere il naso a chi deve uscire i soldi, è un pò il motivo per cui in italia la ricerca è inesistente.

Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?

In genere quando guardo un prodotto non leggo da dove viene quindi se mi interessasse lo prenderei sicuramente, anche se è vero anche il contrario, non basta che un gioco sia italiano per farmelo comprare

Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?

Mah di sicuro è una scommessa, i giochi di corse sono piuttosto popolari nell'ambito del single player, c'è da vedere poi come svilupperanno l'idea

Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?

Mi vengono in mente solo quei giochi a puntate che compravo in edicola, e che tecnicamente non erano un granchè

E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?

Oltre all'industria videoludica ci sono davvero tanti settori in cui l'italia non si vuole buttare, ed è una dimostrazione di quanto siamo un paese moderno solo di facciata.
 
Forse @Demonio alludeva al fatto che per la stragrande maggioranza degli italiani (ignorante forte) la programmazione di videogame non è neppure considerata come attività lavorativa.
Mica solo in Italia, chiunque sia nel settore appena dice che come lavoro fa videogiochi si sente puntualmente rispondere "ah.. quindi giochi tutto il giorno ? Beato te.."
Probabilmente perchè si pensa che il lavoro lo faccia tutto il computer e che tu in linea di massima come programmatore non fai granchè, molti credono ancora oggi che per fare un videogioco bastino una o due persone che lavorano un paio di weekend nel garage di casa come negli anni '70.
 
Ultima modifica:

itarrow

Super Postatore
Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?

Bella domanda. Però vabbeh, in Italia non si producono un sacco di robe in termini consistenti. Secondo me ci sono molte cause che concorrono a quest'effetto. Non sono un imprenditore, ma da quel che ho capito parlando con imprenditori, il problema principale è che creare, gestire ed espandere un'azienda in Italia è molto difficile. Non ci sono finanziamenti, la pressione fiscale è altissima, ci sono troppe leggi/burocrazia.

Non penso sia solo un problema del videogioco, insomma.


Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?

Mai stato prevenuto su nulla: sono un fanboy a prescindere.

Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?

In linea di massima penso di sì, anche se non ho ancora capito cosa differenzia Age of Victory vs. un Trackmania o NFS World o TDU2 o un Project Torque (esiste ancora ?): se veramente ci sono dei differenziatori, forse dovrebbero concentrarsi di più a farli comprendere per benino. Se non ci sono, rischiano. Tutto ovviamente a mio avviso e per quel poco che ho letto in giro.

Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?

Principalmente i prodotti Milestone. Ai tempi dell'amiga mi era piaciuto molto quel gioco di calcio in prima persona... non mi ricordo più chi l'aveva fatto ma era italiano...

E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?

Sempre secondo me è il gatto che si morde la coda. Insomma so che a molti sti discorsi non piacciono e che "i videogiochi sono arte" "i videogiochi si fanno per innovare" "i videogiochi si fanno per divertire".

Purtroppo sarà anche tutto bellissimo ma i videogiochi alla fine si fanno per campare, e per campare devono fare soldi.

Nel mondo forse esistono investitori illuminati che credono in un progetto e finanziano.

Qui in Italia magari il progetto è interessante, ma servono garanzie. E se hai le garanzie, non ti servono i finanziamenti o quasi.

Ed i finanziamenti allora arrivano se dimostri di fare soldi, ed in una situazione come quella italiana, dove è tutta la nazione ad aver problemi, immagino che sia difficile dirottare fondi ad un settore che non esiste, privilegiando invece settori che esistono e sono in difficoltà.

Insomma, la vedo dura che nel breve in Italia la situazione cambi.
 
Ultima modifica:
Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?

Perchè l'Italia è un paese troppo legato alle tradizioni, ha il pregiudizio dei cartoni & fumetti & giochi=roba da poppanti (come ha detto Trafalgare) e non vuole buttarsi e rischiare in altri settori (come ad esempio quello videoludico).

Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?

Personalmente no, poi non so come la pensano gli altri italiani...

Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?

Secondo me si, anche perchè ci sono un sacco di MMORPG in giro, e un MMO sulle corse automobilistiche come Victory: AoV potrebbe essere una valida alternativa :sisi:

Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?

Dunque quelli della sh Artematica (la stessa che ha fatto il videogioco Nel Sangue di Giuda), La Terribile Minaccia degli Invasori dall'Audiogalassia (una sorta di Monkey Island ma solo che, al posto dei pirati, ci sono alieni e viaggi nel tempo, comunque molto carino), poi uno o due GDR di cui non mi ricordo il nome (di cui uno Hack'n Slash alla Diablo, solo che ha una grafica penosa) e ovviamente AoV :).

E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?

Qui cito ic80:

Oltre all'industria videoludica ci sono davvero tanti settori in cui l'italia non si vuole buttare, ed è una dimostrazione di quanto siamo un paese moderno solo di facciata.
 

itarrow

Super Postatore
Però a me ste robe danno un po' fastidio, nel senso che la colpa comunque è sempre "degli altri".

Il risparmio italiota viene gestito (bene o male) seguendo i criteri di chi risparmia. E noi italiani siamo tra i risparmiatori meno propensi al rischio dell'universo: ciò và sicuramente bene quando ci sono le crisi, ma non và altrettanto bene quando si tratta di investire senza avere un ritorno più o meno sicuro.

Rubo il thread e vi faccio un mini-sondaggio: dareste i vs. sudati risparmi ad una banca/fondo che investisse solo in aziende italiane che sviluppano videogiochi ?

Oppure, se non vi fidate delle banche e dei fondi (e ce ne sarebbe ben d'onde), investireste i vs. risparmi nella Vae Victis ?
 

Araldo2

Lurker
Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?
Che domande...si pensa ancora che a giocare siano solo i bambini di 5 anni e quindi non si tenta nemmeno di proporre qualcosa. Del resto tra gli stessi gamer c'è chi usa appellativi di ogni genere verso i "colleghi" ogni volta che rosica per una sconfitta, perché aspettarsi un riconoscimento dagli altri?
Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?
Lo ammetto: SI'. Con quello che abbiamo sfornato in materia di cartoni animati non mi aspetto nulla di buono dagli italiani in settori in cui hanno troppi pregiudizi. Non sono così patriota da comprare un prodotto solo perché italiano...se fa orrore, fa orrore e basta, l'avesse pure fatto un mio parente.
E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?
No che nn lo è, ma con tutte le ingiustizie che abbiamo non c'è da stupirsi.
 

Veon87

Lurker
Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?
Calcolando che circa mezza italia non ha accesso ad internet...
Calcolando che circa 1/3 di italia non ha il pc/consolle...
direi che è suffecente come risposta!
Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?
Assolutamente no! Anzi, lo proverei sicuramente... a meno che sia fatto, quel prodotto, con il solo ed unico scopo di prendere più soldi possibili!
Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?
Beh, non sono mai stato un fan dei giochi F1-style... anzi ho sempre avuto il ribrezzo per essi xD
Però se dovessero sfornare qualcosa di carino è giusto che abbiano successo... insomma... ha successo metin2! <.<"
Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?
Sinceramente non saprei... però mi pare che un MMO molto famoso nell'underground di linux sia proprio sviluppato da un gruppo di italiani... almeno come idea iniziale, poi l'opensource fa i miracoli dell'internazionalizzazione del codice! :)
Plane Shift!
E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?
In un paese dove per comunicare le cose importanti con qualsivoglia istituto pubblico si deve usare il fax...
IL FAX! cioè non mi stupirei se tra 10anni ci facessero inviare i documenti tramite piccioni viaggiatori 2.0 (citando qualcuno del forum xD)

Insomma... sarebbe il mio più grande sogno lavorare in una software house videoludica... o almeno lo era!
Siccome non si campa di sogni irrealizzabili... mi son dovuto accontentare di lavorare in un CC :S
 

Terval

Super Postatore
Non avete ancora risposto alla domanda più importante (che nerd che siete): chi è la gnocca al centro della foto???
 

Leaniv

Presunto Artista
Ho paura però per questo Age of Victory, è troppo "Generico" (Scusate se lo dico) ho visto vari video e dati, e mi sembra solo un clone con altri contenuti di Trackmania, che tra l'altro Trackmania è gratis, poi per non parlare della GamersFirst.....

Sono pessimista lo so, ora potete scatenarvi su di me
 

XXN91

Divo
Per cui vi chiedo:

  • Perchè in Italia non si producono videogame in termini consistenti?
  • Sareste prevenuti nei confronti di un prodotto italiano?
  • Pensate che Vae Victis abbia scommesso giusto sviluppando un MMO automobilistico?
  • Che giochi italiani conoscete, provati in passato o attualmente?
  • E' giusto snobbare l'industria videoludica come invece non fanno altri paesi europei?
1) Secondo me, qui in Italia, i videogiochi (non sono mmo e simili) vengono semplicemente snobbati, demonizzati e/o ritenuti per ragazzini, perche se uno gioca col computer/console, non si guarda la tivi, quindi vuol dire che perderebbero soldi tramite le pubblicità e simili, quindi potete trarre le ovvie conseguenze :sisi:

2) Sarei felice se qualche team italiano si desse da fare e dimostrare che non sia un lavoro inutile, infatti stimo molto i produttori di vae victis (che stanno facendo un mmo di auto da corsa)

3) beh, già un mmo automobilistico può interessare più gente, ovviamente la nicchia che sa cosa sia cos'è un gioco online :sisi:

Hanno fatto bene a tentare, oltretutto il gioco è in beta se non sbaglio, e quindi non ha avuto troppe difficoltà per essere fatto :)

4) ora che ci penso, di giochi veramente italiani non ne ho mai provato uno in vita mia, anche se può sembrare strano.. :sisi:

5) OVVIAMENTE NO!

E' un mercato che potrebbe portare molto, ma finche ci sarà una chiusura mentale del genere in italia, (guardare il punto 1) ) la produzione di videogame non sarà molto facile nel nostro paese.
 
Ultima modifica:
Alto