Thermaltake SMART DPS G 600W - Recensione

Thermaltake è un'azienda fondata a Taipei nel 1999, specializzata nella realizzazione di prodotti quali cabinet, alimentatori, cooler, unità di storage, ventole ed accessori con particolare attenzione ai videogiocatori e agli overclocker. Gli appassionati con una certa esperienza e conoscenza, sanno bene che tale brand rappresenta una delle realtà storiche del settore. L'essere stata una dei pionieri del mercato hardware ha consentito a Thermaltake di guadagnarsi un'indiscussa reputazione di brand leader, arrivando oggi a poter vantare una rete di infrastrutture - con filiali in Australia, Giappone, Cina, Germania, Paesi bassi e Stati Unit - ben 95 distributori, oltre 4000 Premium Reseller, per una considerevole diffusione dei suoi prodotti in tutto in tutto il globo.
Negli ultimi anni abbiamo assistito all'ingresso sul mercato di numerosi competitor, ma il produttore taiwanese ha saputo mantenere il blasone conquistato negli anni, continuando a prestare attenzione alle esigenze dei consumatori.

Raggiunti certi valori di potenza, i produttori di alimentatori spingono ormai da diversi anni sul pedale dell'efficienza e risparmio energetico per salvaguardare l’ambiente, del design e di altri aspetti, precedentemente meno considerati. Quest’ultima tipologia di alimentatori si interfaccia con il sistema, consentendo di monitorare alcuni dati come i consumi energetici, i valori di corrente e di tensione sulle linee, o gestire il regime di rotazione della ventola preposta al raffreddamento dell'unità stessa. Thermaltake è uno dei brand più avanti in questo campo, presentando la serie SMART DPS G, scopriamo cosa è cambiato, analizzando il modello da 600 Watt di potenza.



La serie Thermaltake SMART DPS G è sinonimo innovazione, che consentirà di controllare, attraverso un software proprietario direttamente sul vostro dispositivo mobile, i parametri del vostro alimentatore. Infatti la combinazione tra il Thermaltake SMART DPS G e la DPS G App2.0 crea un intelligente piattaforma che vi permetterà di:
  • Monitorare il consumo energetico, aiutandovi a gestire le spese.
  • Registrare i vostri dati di consumo
  • Condividere i dati nel cloud, offrendo la possibilità di confrontarli con i vostri amici e confrontarli per migliorare la gestione dei vostri consumi
Andiamo ora a vedere cosa otterremo concretamente quando compreremo il Thermaltake SMART DPS G 600W.

La prima cosa che noteremo del Thermaltake SMART DPS G 600W è il packaging; l’alimentatore, gli accessori e la documentazione. Usualmente nessuno degli ultimi elementi merita la nostra attenzione, ma in realtà vi sono contenute informazioni importanti che meritano la nostra e vostra attenzione.



Dando uno sguardo veloce noteremo sul fronte del packaging la certificazione “80 Plus Bronze”; andando sul sito 80 Plus troveremo, ovviamente, il Thermaltake SMART DPS G 600W tra i 5506 alimentatori che si avvalgono di questa certificazione. Cliccando su questo link sarà possibile scaricare il report dei test effettuati.
Molto importante è la presenza dei 7 anni di garanzia. 7 anni sono veramente tanti, considerando che al giorno d’oggi aggiorniamo i nostri computer con una media di una volta l’anno. Avere la possibilità supportata da certezze granitiche di non dover restare a piedi per 7 anni rappresenta uno dei punti di forza che da sempre Thermaltake offre su tutta la sua linea di prodotti. Girando la confezione, troveremo la tabella della potenza e dei connettori che trovate riprodotta di seguito e alcuni informazione relative al design e sulla qualità dei componenti.



Una volta aperto il Thermaltake SMART DPS G 600W troveremo: l’alimentatore, i cavi modulari in una tasca dedicata, il manuale dell’utente, la guida sulla garanzia.

Come abbiamo già detto, i prodotti della serie SMART DPS G rappresentano la seconda generazione di alimentatori digitali di Thermaltake, pensati anch'essi per essere monitorati e gestiti dal software DPSApp, scaricabile dal sito del produttore, semplicemente inserendo un indirizzo email. Basterà collegare l'unità mediante l'apposito cavo USB in dotazione ad un header usb 2.0 della scheda madre ed installare il suddetto software per potere monitorare la temperatura interna, i valori di tensione sulle rails da 3,3V, 5V e 12V, potenza assorbita, corrente erogata ed efficienza energetica in tempo reale. E' inoltre possibile effettuare una stima dei costi in funzione dei consumi. Importante la possibilità di monitorare e gestire il regime di rotazione della ventola di raffreddamento, sui preset "Silenzioso" e "Prestazioni".
A proposito di ventola: il raffreddamento della componentistica è affidato ad una classica ventola da 140 millimetri a sette pale, brandizzata Thermaltake e riportante il numero TT-1425. Il preset standard del sistema di termocontrollo è in grado di garantire un'apprezzabile silenziosità operativa anche sotto carico, in ogni caso, grazie all'interfaccia DSP e all'apposito software, ricordiamo che sarà possibile personalizzare il comportamento della ventola, per variarne il regime di rotazione in base alle proprie esigenze.
Potremo monitorare inoltre in tempo reale l'efficienza energetica, corrente erogata, potenza assorbita, le tensioni sulle tre rails principali, oltre che monitorare e gestire il regime di rotazione della ventola e stimare i costi derivanti dal consumo del nostro sistema. Tutte le funzionalità del software DPS G, sono rese estremamente semplici ed intuitive.

Vi lasciamo il link ufficiale che descrive la tecnologia DPS e l'App messa a punto da Thermaltake.

Il mercato degli alimentatori è sempre più ricco di proposte e di realtà produttive, ma sono a dire il vero ancora pochi i produttori ad oggi in grado di annoverare nel proprio catalogo delle soluzioni digitali. Thermaltake verrà ricordato, come il primo brand ad investire nella tecnologia DPS G, da noi accreditata di poter portare quella ventata di importanti novità davvero in grado di spingere molti utenti a cambiare il proprio alimentatore.

I nostri test confermano in maniera incontrovertibile le ottime impressioni espresse durante l'analisi tecnica, facendo emergere come il Thermaltake SMART DPS G 600W sia in grado di offrire una stabilità granitica, con valori di tensione addirittura quasi del tutto invariati tra le due diverse fasi di carico. L'unica variazione rilevata, sulla linea da 5 Volts, è infatti pari a soli 0,01 Volts, per cui assolutamente insignificante. I valori di tensione risultano inoltre abbondantemente sopra i valori di specifica, su tutte le rails rilevate, dimostrando come la componentistica riesca a far fronte al carico sottoposto, senza colpo ferire.

Il prezzo di vendita di questo alimentatore è intorno ai 100€ circa ( Dove Acquistare: http://it.thermaltake.com/wheretobuy.aspx ), cifra considerevole in senso assoluto, ma da considerare vantaggiosa per un alimentatore dotato di sistema DPS che va a rispettare i dati che l’azienda aveva promesso, la cura prestata nella realizzazione di un prodotto garantito per ben tre anni, accompagnato da un corredo di livello assoluto, semi-modulare, ed in cui anche il design ed il cable managment sono ai massimi livelli.
 
Ultima modifica:

Commenti

#2
Grazie per la recenzione, fará sicuramente parte del mio nuovo pc assemblato, devo solo valutare quale acquistare ^^.
 
#4
100 euri???

e gtfo. 80+ gold, modulare (non completamente) e 100W/14A in più.
Presumo che il prezzo sia dovuto alla questione DPS e relativo software, che ora come ora rappresenta sicuramente una particolarità. Poi come tutte le cose si sa, i primi modelli essendo "esclusivi" (nel senso che hanno una cosa che la concorrenza non ha) hanno per forza di cose un prezzo maggiore, se poi il sistema (o soluzioni analoghe) diventeranno lo standard allora con maggiore diffusione si vedrà un allineamento (e un calo) dei prezzi per tutti.

Questo per dire secondo me qual'è il motivo della cifra. Poi personalmente trovo che sia una feature interessante senza dubbio, ma allo stesso tempo non lo vado a comprare per sostituire il mio XFX Pro B.E.
 
#6
Spero che per "come il primo brand ad investire nella tecnologia DPS G" si intenda la loro versione di controllo digitale, dato che il sistema in se esiste da anni (se non sbaglio il primo fu un vecchio gigabyte)
Poi "Molto importante è la presenza dei 3 anni di garanzia. 3 anni sono veramente tanti"
E di EVGA e Corsair che ne danno 10 anni cosa dovremmo dire? Gli facciamo una statua?
Avete detto di aver fatto dei test, sarebbe stato bello vedere delle tabelle...
Comunque in se non mi convince molto.
Internamente assomiglia molto ai vecchi smart se, e anche se avranno migliorato la piattaforma, più di tanto non credo possa cambiare.
 
Alto