Un anno di recruit

erikterr

Utente
Ciao a tutti, volevo aprire una piccola riflessione su questo gioco, in particolare lo stato del recruit italiano (almeno per quello che mi riguarda).

Negli ultimi mesi sto provando a mandare avanti (non senza difficoltà :vic: ) una corp composta da circa 50 player, di cui reali una ventina (nel gioco si possono avere uno o più pg, a seconda di quello che si vuole fare).
Da circa un anno abbiamo visto entrare in corp + o - 50 persone, ciascuna con la sua storia, ciascuna con i suoi obbiettivi. Dopo qualche mese dall'inizio del recruit ci siamo accorti che avere pg alpha (per chi non conosce è la modalità free to play) è abbastanza difficile, in quanto le skill sono limitate, i tempi per "essere utili" sono lunghi ecc. Però abbiamo avuto anche alpha bravi, che si sono impegnati e che in breve tempo (2/3 mesi) sono riusciti a pagarsi il gioco via isk e non via $$$. Ovviamente gran parte del loro tempo era incentrata sul fare isk, altrimenti non avrebbero potuto pagarsi il mese successivo e questo è stato sicuramente un punto penalizzante. Oltre a loro, abbiamo avuto vecchi giocatori, magari della prima era di EVE, che però si sono trovati spiazzati dalle nuove meccaniche, spiazzati dalla quantità di cose cambiate negli ultimi anni e che li ha fatti desistere dal continuare in questa esperienza.

Per quello che può essere il nostro ultimo anno, do' qualche piccolo dato che spero serva come spunto di riflessione per chi è interessato:

Inizio raccolta dati: 01/05/2019
PG* Reclutati: 54
PG Rimasti in corp: 9
PG Entrati in altre corp: 5 (di cui uno che poi è uscito ed è inattivo)
PG Inattivi (Corp NPC/Killboard vuota): 30
PG Entrati in corp personali: 4 (potrebbero anche esser diventati inattivi)
PG senza nessuna info: 6 (pg del quale non ho informazioni dettagliate)

*Per PG intendo "heartbeat", quindi singoli giocatori, magari con uno o più account.

Se sommiamo quindi i giocatori inattivi (senza corp, corp personali o nessuna info) 3/4 delle persone entrate in corp ha smesso di giocare! Questo rientra un po' in quanto detto dalla CCP, sostenevano infatti che circa il 90% dei giocatori smette dopo una settimana, e la parte italiana (la mia corp recluta solo italiani) non fa' differenza.
Ormai mi viene sempre più spesso da chiedermi se è un gioco "morto" oppure se possono fare qualcosa per migliorare l'intro dei nuovi giocatori. Alla fine il livello di skill point acquisiti fa' solo differenza tra le navi/moduli che si possono pilotare, ma l'esperienza, beh quella la fa' e continuerà a fare il pilota. Confrontandomi con WoW (nel quale ho giocato per diversi anni) capisco l'esperienza negativa di un nuovo giocatore, che vede "i vecchi" girare con navi grandissime e costose, mentre a lui sono riservate fregate e cruiser da pochi milioni di isk. Quindi forse l'attuale difetto peggiore è nello scaling del personaggio, ci vogliono effettivamente ANNI per portare determinate navi (portare AKA: in maniera decente!) soprattutto se sono di tipologia differente (le skill di un titan sono diverse dalle skill di una rorqual). Questo rende il gioco longevo dal punto di vista del training, ma eccessivamente lungo dal punto di vista del casual player (cosa che invece su WoW o su altri giochi è fattibilissima)

Certo, questo è il mio "piccolo mondo" e magari le altre realtà italiane avranno numeri diversi (sarei curioso di un confronto), ma alla lunga penso che siamo tutti sulla stessa barca (o meglio, astronave :) )
 

ustag

Super Postatore
Membro dello Staff
Bel thread @erikterr .

La situazione da noi non è molto diversa.
siamo un po' di più di voi (Zkillboard di gennaio) e da noi ogni 5 player, ne restano circa 3 a breve termine per diventare mediamente 2 a lungo termine. Quindi al tuo 3/4 corrispondo con un 3/5. male?

c'è chi si prende una pausa e torna, chi pensava che EVE fosse un Theme Park e non una Sandbox, chi non adora fare PVP (che è la nostra attività principale), chi che "EVE è troppo difficile, pensavo fosse più tranquillo", chi ha una vena polemica o competitiva cancerogena e deve essere allontanato più veloce della luce.

Devo dire che spendiamo una buona quantità di energie per fare sì che la nostra corporazione sia una buona casa per i nuovi arrivati , ma siamo anche abituati a vederne sparire più della metà.

Però EVE è tutt'alto che morto, IMHO, anche se alcune scelte della CCP nell'ultimo anno sono state di una miopia pericolosissima (BLACKOUT, si sto parlando di te),
Morte sono quelle corporazioni che decidono di smettere di reclutare, di fare cherry picking sulla playerbase, di smettere di addestrare 5 giocatori per tenerne forse 2.
Ed è vero dal lontano 2004.

Se spostiamo la prospettiva sul newbro, invece che sul recruit, la cosa più pericolosa, sempre IMHO, è il giocatore che si esaurisce per pagarsi l'omega facendo PVE. Dedica una quantità enorme di tempo e risorse per questo.. non comprendendo che è una attività che è sostenibile solo per i veterani che possono procurarsi gli ISK con gli ISK, per esempio usando l'hypernet o gestendosi una fettuccia di mercato .. e lo fanno perché hanno visto passare tanta di quell'acqua sotto i ponti... E l'esperienza non si compra, si fa con i mesi.. gli anni.
Cosi per non spendere 14 euro (pizza e birra) al mese, c'è chi spreca tempo accumulando frustrazione... e scappa via a gambe levate, inesorabilmente.
 
Alto